DESIGN AND FASHION STONE
+39 049 794140 - info@cmg-group.it

Marmi e graniti

Quando nel 1965 nacque CMG, aveva proprio come uniche pietre marmi e graniti, successivamente però, l’evolversi del mercato dell’arredamento e l’introduzione di nuovi materiali hanno fatto sì che, ad oggi, i prodotti più utilizzati siano le quarziti. Nonostante ciò, marmi e graniti son sempre rimasti molto utilizzati per arredamenti sia in stile classico che moderno. Ad oggi, queste pietre sono prettamente utilizzate per pavimentazioni, scale o top da bagno.

Lavorazioni

Le lavorazioni che offriamo con queste pietre sono le seguenti:

  • Lucidatura, eseguita con lucidatrici a manettone che conferiscono alla pietra una maggiore qualità della lavorazione;
  • Acidatura, una lavorazione ideata da CMG e chiamata Trattamento Vintage, dove conferiamo alla pietra un effetto di piacevole vissuto;
  • Bocciardatura, che rende alla pietra un effetto scolpitura;
  • Sabbiatura, effettuata con acqua e sabbia che fa apparire il prodotto come ricoperto di piccoli granelli di sabbia;
  • Fiammatura, dove viene fatto risaltare il colore naturale della pietra rendendo la superficie rugosa;
  • Spazzolatura, lavorazione ottenuta dall’uso di spazzole abrasive per mezzo di macchine di levigazione che danno alla pietra un aspetto “consumato”;

Il marmo era un materiale molto amato dall’artista Antonio Canova (1757-1822); il suo nome deriva dal greco con il significato di “pietra splendente”. Questa luminosità gli è data dal sul basso indice di rifrazione che permette alla luce di penetrare nella superficie ancor prima di essere riflessa. Il suo colore dipende dalle impurità presenti al suo interno, ad eccezione del marmo bianco che deriva dalla metamorfosi di rocce calcaree che non contengono impurità.

Il granito è una roccia ignea intrusiva formata da un lento raffreddamento del magma a profondità che arrivano 50Km dalla crosta terrestre, metamorfosi che ha fatto sì di donargli una grana media/grossolana la quale può anche presentare megacristalli. Il suo nome deriva dal latino granum, stando appunto ad indicare la sua struttura a grani. Le percentuali di quarzo al suo interno vanno dal 20 al 60%, da non confondere con le quarziti, le quali detengono almeno un 80% di questo minerale.